Leave us your email, we will contact you to inform you on all the new promotions of the month!

monogrampng
image-351

facebook
twitter
linkedin

Per maggiori informazioni:

prenotazioni@giorgioivanrusso.com

Giorgio Ivan Russo 2021 @ ALL RIGHT RESERVED


facebook
twitter
linkedin
3d-rendering-surgery-room-with-robotic-surgery-and-empty-bed
img2431

UROLOGIA ONCOLOGICA

Chirurgia Robotica

tw-12

COS'È LA CHIRURGIA ROBOTICA?

La chirurgia realizzata con l’ausilio del robot chirurgico Da Vinci, che rappresenta la piattaforma più avanzata per la chirurgia mini-invasiva disponibile oggi a livello mondiale, è l’evoluzione della laparoscopia tradizionale. A guidare i bracci robotici, sui quali vengono montati gli strumenti necessari per eseguire l’intervento, e a determinare i suoi comportamenti, però, è sempre il chirurgo, appositamente formato per l’utilizzo della macchina.

Rispetto alla chirurgia tradizionale, la chirurgia robotica presenta innumerevoli vantaggi, tra cui un minor traumatismo della parete addominale e degli organi interni grazie all’impiego di bracci meccanici, un minor dolore postoperatorio e una rapida ripresa delle funzioni fisiologiche.

 

IN QUALI CASI?

Tumore alla prostata

Tumore del rene

Chirurgia mini-invasiva

Il tumore alla prostata rappresenta la neoplasia più frequente del sesso maschile ed il trattamento chirurgico principale è rappresentato dall'intervento di prostatectomia radicale. 

Attraverso la chirurgia robotica è possibile asportare la prostata e le vescicole seminali con un approccio mini-invasivo consentendo la conservazione della continenza urinaria e della funzione erettile. 

Attaverso il robot Da Vinci Xi, il trattamento del tumore renale viene effettuato attraverso l'asportazione di cellule tumorali del rene garantendo il mantenimento di un margine di sicurezza di tessuto sano e la preservazione del restante parenchima renale. L'intervento è denominato tumorectomia renale o nefrectomia parziale. 

La chirurgia robotica attraverso il Da Vinci Xi può essere utilizzato per tutti i casi in cui si voglia mantenere un approccio mini-invasivo attraverso: 

  • ampliamento delle capacità dell’operatore
  • eliminazione del tremore delle mani del chirurgo
  • maggiore velocità nelle procedure
  • diminuzione dell’invasività degli interventi
  • aumento della precisione
  • visualizzazione 3D in alta definizione e
  • maggiore comfort del chirurgo